Studiosintesis | Ortodonzia posturale
16838
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16838,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Ortodonzia posturale

Con questo termine nuovo in ambito medico intendiamo riferirci ad un approccio ortodontico finalizzato alla correzione delle anomalie cranio-dento-facciali.Tale terapia dovrà tener conto di una crescita armonica del corpo intero nel caso dei pazienti piu’ giovani e del ripristino di una fisiologia della masticazione nel paziente adulto, correggendo le funzioni spesso alterate, come la RESPIRAZIONE, MASTICAZIONE e DEGLUTIZIONE.

Questo trattamento  si avvale dell’utilizzo di apparecchi MOBILI (Attivatori plurifunzionali, Placche a Piste di Planas) e ove necessario della collaborazione con l’osteopata. Nel trattamento dei bambini infatti un trattamento craniosacrale iniziale facilta l’azione dei nostri apparecchi.

La posizione di massima “intercuspidazione” dentale, definita “occlusione” è essenziale per la funzione masticatoria. Ogni singolo componente dell’apparato stomatognatico, muscoli, articolazioni, mucose e soprattutto i legamenti alveolo-dentali che avvolgono ogni singola radice sono riccamente innervati da meccanocettori. Di conseguenza ogni contatto fra le arcate dentali in massima intercuspidazione provoca un input propriocettivo influente sul tono e la postura muscolare, che per numero e concentrazione di recettori, non ha forse l’eguale in nessun altro territorio dell’organismo. L’occlusione dentale, condizionata dal numero, forma e posizione dei denti, è quindi implicata nella postura della testa per il coinvolgimento muscolare cervicale.

Le due figure, quella del POSTUROLOGO e del DENTISTA  si integrano per fornire al paziente una valutazione ampia e globale delle problematiche posturali, generali e dentali che come dimostrano gli studi piu’ recenti, sono spesso causa di disordini a livello generale.

Ortodonzia come movimento nel rispetto della fisiologia